L’incontro del 29 marzo (articolo qui) ci ha permesso di farci conoscere e incontrare una trentina di giovani chiamati a raccolta da Giovani delle Acli di Bologna a riflettere sul futuro dell’Europa e farsi parte attiva elaborando proposte concrete: cittadinanza attiva a 12 stelle.

La nostra associazione non poteva mancare in un momento in cui i giovani della nostra città natale, Bologna, si raccoglievano attorno ad un tavolo a descrivere l’Europa che hanno nel cuore. Lontani da un mero giovanilismo, siamo convinti anzi che i giovani non siano solo il futuro, ma già il presente della società, con le contraddizioni e gli slanci propri di un cuore che ha la vita davanti.

Abbiamo raccontato cosa significa per noi radici cristiane dell’Europa e tratteggiato i caratteri principali dei Santi Patroni, cioè figure che la Chiesa ha indicato come specifici modelli e intercessori per l’uomo e la donna europei.

L’incontro è stata l’occasione per spiegare che la Chiesa è “madre e maestra” avendo a cuore la vita e il destino dell’Uomo come missione affidatale da Cristo stesso, “sorgente di speranza per l’Europa”. Questi virgolettati sono due passaggi di Magistero – vi invitiamo a scoprire googlando qual è la fonte! – e sono un assaggio del patrimonio inesplorato del magistero europeista degli ultimi Pontefici.

Grazie, amici delle Acli! E alla prossima occasione